Menu Content/Inhalt
Home arrow Poesie e canzoni arrow Poesie arrow Le poesie di Ester Sardoz Barlessi
Le poesie di Ester Sardoz Barlessi
 
QUEL GIORNO

Quel dopopranso afoso
la cità ga tremà
e la Rena,
grande cuor de sasso,
se ga strento per la disperassion.

Scopi ripetudi,
fumo,
urli e sangue
ga invaso strade
e canisele,
vicoli, piasse e clivi.

Vissin el mar,
sui respiri de agonia,
cocai sigaloni,
vose de brividi
sui lamenti dei feridi
e sul silensio dei morti,
girava in streti
macabri baleti.

Verto el vaso de Pandora,
se ga sparpaiado
fra la povera gente
tuti i mali del mondo
e la cità no ga podù
e no ga volù
esser più la stessa.

Cascava lagrime de sangue
sui martei che bateva
ciodi per sprangar
casse
porte
e finestre
e iera come vender de novo
Gesù Cristo
sensa pena né colpa
e meterlo de novo in crose.

Speta che te speta
la giustissia dei omini
no xé rivada.
Mai.

Ma co sarà l’ora
riverà quela di Dio,
perché Lui no dimentica,
e al’anagrafe dela Storia
quel giorno ga un nome
e una data:
Vergarolla, 18 agosto del ’46!

SANGREGO



Bassi ciapi de sangrego
coloradi de gialo
e ruspido argento
sparpajadi soto i pini
e per i pra’.

A la sera, sangrego zà ’tajà,
el speta un forminante
per darghe el via a la festa
la note dei foghi
el ventitré de giugno
a la vigilia de San Giovani,
in campagna, per le stansie
e le strade de periferia,
i salti in alto e in longo
de la mularia.

Torna tra ciaro e scuro,
gioghi de ombre,
tuti i visi imberlai per el ciaro
de la fiama
e va per ore avanti
el balo de le strighe
mi strenso i oci e sento
tremar in te l’aria
l’odor perso in te ’l tempo
del sangrego brusà
per el mio ultimo fogo.

Ultimo aggiornamento ( domenica 28 agosto 2011 )