Menu Content/Inhalt
ULTIMA MULERIA DE POLA - RITROVO A PADENGHE DAL 16 AL 18 SETTEMBRE 2016

 
Si terrà dal 18 al 20 settembre 2016 al West Garda Hotel di Padenghe sul Garda (BS) il 29° Ritrovo dell’“Ultima Mularia de Pola”, aderente al Libero Comune di Pola in Esilio e coordinata da Roberto Giorgini.

Venerdì 16 settembre si prevede al mattino l’arrivo e la sistemazione dei partecipanti, alle 13 il pranzo a buffet, il pomeriggio a disposizione, alle 20 la cena e, a seguire, quatro ciacole.

Sabato 17 settembre si prevede alle 8 la colazione, alle 9 la partenza per la visita al parco “Natura viva” di Pastrengo (VR), alle 13 il pranzo a buffet, alle 16.00 la proiezione di filmati e la formulazione di proposte per il 30° Ritrovo (2017), alle 18 la messa, alle 20.30 il cenone di gala e, a seguire, quatro ciacole, musica, canti e il Festival della canzone matusa.

Domenica 18 settembre si prevede alle 8 la colazione, alle 12 una prosciuttata e un brindisi di saluto, alle 13 il pranzo. A seguire, i saluti e le partenze.
La prenotazione va effettuata entro l’11 settembre chiamando l’albergo allo 030 9907161.

Va specificata l’appartenenza al GRUPPO "’Ultima Mularia de Pola".

 
EDITORIALE DI LUGLIO DEL SINDACO TULLIO CANEVARI

L’ultimo numero de “L’Arena”?

(L'Arena di Pola luglio 2016)

Questo potrebbe essere l’ultimo numero. “L’Arena di Pola” potrebbe cessare, o quantomeno interrompere, quel legame spirituale che da decenni, da quel lontano 1945, si perde nei ricordi dei più anziani. L’inspiegabile insensibilità della burocrazia ha fatto sì che gli incentivi statali, indispensabili per la sopravvivenza del nostro giornale, siano fermi al 2011; i meccanismi infernali che regolano l’operato dello stato non hanno ancora permesso la nomina di un funzionario statale che firmi un documento che permetta l’erogazione dei fondi che la legge ci ha assegnato, dal 2012 ad oggi.
La sopravvivenza del nostro giornale è perciò legata, appesa, alla generosità dei polesani: molti l’hanno già dimostrata; molti possono, e oserei dire devono, dimostrarla, per l’affetto che ci unisce, per l’amore della nostra terra.
Tuttavia il Libero Comune di Pola in Esilio è forte; lo è come i liberi Comuni dell’Italia, dell’Istria, fieri della loro indipendenza, fedeli, quando hanno deciso di farlo, alla grande Serenissima Repubblica di Venezia.
Leggi tutto...
 
60° RADUNO DEGLI ESULI DA POLA

La serata alla Comunità degli Italiani di Pola

(L'Arena di Pola luglio 2016)

La sera di sabato 11 giugno  i pullman dei radunisti sono partiti dall’albergo alla volta della Comunità degli Italiani di Pola in Via Carrara 1. Alle pareti dell’atrio e della sala conferenze era stata allestita la splendida mostra itinerante del socio del Libero Comune di Pola in Esilio Leonardo Bellaspiga dal titolo Sulle ali della bora, nel ruggito del leone. Da Trieste a Cattaro sulla rotta di Venezia. L’iniziativa, già esposta a Trieste, Cattaro e Podgorica, è stata promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dall’LCPE, dall’Unione Italiana, dalla CI di Pola e dall’Università Popolare di Trieste. Questa versione ha proposto fra i tanti disegni a china delle località dell’Adriatico orientale alcune immagini in più di Pola. Qui ne riproduciamo le più significative.
Leggi tutto...
 
LO STATO SALDERA' IL SUO DEBITO?

Lo Stato salderà il suo debito?

Conto corrente postale: 38 40 77 22
intestato a “L’Arena di Pola”

Conto corrente bancario: codice IBAN
IT 10 I 02008 12105 0000 10056 393
presso UniCredit – Agenzia Padova Moro
intestato al “Libero Comune di Pola in Esilio”


Continua incessante da numerosi abbonati-soci, come pure da tanti lettori simpatizzanti, l’afflusso di elargizioni, offerte per i libri, abbonamenti, doni di abbonamenti, prestiti e/o scelta del 5 per mille, in risposta al nostro appello per salvare “L’Arena di Pola” e il suo editore: il Libero Comune di Pola in Esilio. Ne pubblichiamo l’elenco in pagina 11. A tutti loro va il nostro più sentito GRAZIE.
Tuttavia, malgrado questa generosa e lodevole contribuzione straordinaria, non ci è ancora stato possibile pagare alla tipografia Art Group la rata del quadrimestre maggio-agosto per la stampa del giornale.
Fonti romane ci riferiscono che il Governo starebbe per saldare finalmente il suo debito con tutte le associazioni degli esuli, ovvero per corrispondere il rimanente 50% delle spese da esse già sostenute per i progetti 2012 ai sensi della legge 72/2001 e successive modifiche. Ma finora nulla si è mosso. Rimanendo in attesa di tali rimborsi, per risparmiare almeno un po’ “L’Arena di Pola” continuerà ad uscire a 12 pagine in bianco e nero. Al di sotto di questo livello non vorremmo scendere, se non costretti, per non intaccare la qualità del prodotto.
A chi non lo avesse ancora fatto rinnoviamo l’invito a versare subito quanto può. Le “erogazioni liberali al Libero Comune di Pola in Esilio” potranno essere detratte dalle tasse allegando il bollettino di conto corrente postale (ne abbiamo inserito uno nella busta) o la ricevuta del bonifico bancario. Chi volesse contribuire a ridurre il costo di spedizione postale del mensile può richiederci l’invio del solo pdf via mail. Fra gli oggetti da richiedere in offerta ora c’è anche il libro del direttore Paolo Radivo sulla strage di Vergarolla, nonché le magliette e i cappellini del “Grion Pola”. Grazie ancora!

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>