Menu Content/Inhalt
Home
59° RADUNO NAZIONALE DEGLI ESULI A POLA
L’arrivo, l’apertura ufficiale e la riunione dei vertici

Impegnativo, ma arricchente, gratificante e fecondo. Così potremmo descrivere il 59° Raduno nazionale degli Esuli da Pola, svoltosi da sabato 13 a martedì 16 giugno 2015. E’ stato il 5° di fila nella città d’origine. Il 4°, sempre di fila, con base all’Hotel Brioni di Verudella. In totale i presenti hanno raggiunto quota 119, di cui 8 esterni che non hanno alloggiato in albergo. Dunque 10 meno dello scorso anno. Ma ad essi vanno aggiunti gli ospiti, i connazionali residenti ed altre persone che hanno partecipato solo ad alcune delle iniziative in programma senza pernottare. La maggior parte dei radunisti veniva da Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Veneto e Piemonte, ma qualcuno anche da USA, Svizzera e Germania. Non sono mancati nemmeno quest’anno diversi figli e alcuni nipoti di esuli, polesani e non, a dimostrazione dell’attrattività di Pola. Il quotidiano “La Voce del Popolo” ha dedicato come sempre grande attenzione all’evento.
I partecipanti hanno cominciato a giungere alla spicciolata con i loro mezzi nel pomeriggio di sabato. Per ultimi sono arrivati quelli a bordo del pullman messo a disposizione dal Libero Comune di Pola in Esilio. Ad attenderli c’era nel salone d’ingresso un tavolo, dove tutti hanno potuto registrarsi, saldare il conto, ricevere la copia di giugno de “L’Arena di Pola” fresca di stampa ed acquistare ad offerta libera, se lo desideravano, alcuni volumi editi dall’associazione.
L’apertura ufficiale del Raduno ha avuto luogo nella sala a vetri a lato dell’ingresso. Il sindaco Tullio Canevari ha dato il cordiale benvenuto ai presenti, annunciando con soddisfazione gli appuntamenti previsti in collaborazione con il Museo Archeologico dell’Istria e la Comunità degli Italiani di Pola, rammaricandosi dell’impossibilità per il coro “Lino Mariani” di partecipare l’indomani alla messa (ci sarà però il 18 agosto) e del mancato completamento del cippo in onore dei martiri della strage di Vergarolla, ma compiacendosi dei contatti finora avuti per la collocazione di una targa in ricordo del prof. Mario Mirabella Roberti presso il Tempio di Augusto, e pronosticando infine che nel 2016 il Raduno si terrà nuovamente a Pola. A questo breve discorso è seguito un rinfresco.
Dopo cena, il Consiglio e la Giunta dell’LCPE si sono riuniti in una saletta dell’albergo fino a mezzanotte e mezza. Il sindaco Canevari ha comunicato il subentro del consigliere Roberto Stanich a Silvio Mazzaroli quale assessore ai rapporti con gli italiani residenti a Pola. Fra i tanti altri temi affrontati: la non facile situazione contabile dovuta ai cronici ritardi nell’erogazione dei finanziamenti statali per i progetti già realizzati e a qualche mancato rinnovo degli abbonamenti/iscrizioni, le proposte di integrazione del monumento in memoria delle vittime di Vergarolla e di posizionamento della targa in ricordo del prof. Mario Mirabella Roberti, le modalità di diffusione telematica de “L’Arena di Pola”, alcuni dettagli organizzativi del Raduno, i rapporti con la Società artistico-culturale “Lino Mariani” e la prenotazione di 15 copie del volume di prossima pubblicazione Gli angeli di Vergarolla.
Gli altri radunisti hanno trascorso la serata in libertà.
Paolo Radivo
 

Notizie importanti

 

ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

TUTTI GLI ARTICOLI
DAL 1948 AL 2009
www.arenadipola.com

 

 

RECAPITI 
"Libero Comune di Pola in Esilio"

- informatico:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


 Indipendentemente dai normali orari di apertura
cell. +39 388 8580593.



- postale:
c/o Tipografia Art Group S.r.l.
via Malaspina 1 -
34147 TRIESTE

 

***
Siamo anche su Facebook.
Libero Comune di Pola in Esilio
Dventiamo amici.




 https://www.youtube.com/
watch?v=5ivlfeGujGo

 (clicca sul link per
vedere il video
Istria Addio - La Cisterna)

 ***
Dalle elezioni dell' 11 giugno 2017

 Sindaco/Presidente:
Tito Sidari
Vice: Maria Rita Cosliani
Direttore dell'Arena di Pola: Viviana Facchinetti

 (l'organigramma completo nella sezione
CHI SIAMO")
 
 ***