Menu Content/Inhalt
Home
IL BRIGANTINO BRITANNIA E' APPRODATO ALL'ISOLA SEGRETA RACCONTO DI ROBERTO STANICH
Il brigantino Britannia è approdato all’Isola Segreta
Semo in viagio verso Goli Otok, l’Isola Calva. Mi e Lucia gavemo acetà l’invito de Furio Radin e de Fabrizio Somma de partecipar a questo viagio con una delegassion de parlamentari croati e de  diplomatici acreditai a Zagabria. La visita xe organisada de una associassion de ex detenuti e dei sui discendenti con el scopo de sensibilisar l’opinion publica anche internassionale sula necessità de  far de questa isola, dove che iera un teribile gulag jugoslavo, un centro dela memoria a ricordo dele soferense e dele violense che tanti ga dovudo subir.

 

Goli Otok… come che go sentì questo nome, me xe vignù subito in amente Nini, mio secondo cugin de parte de mama. Lui però no’l usava questo nome ma la ciamava “l’Isola Segreta”.

Iera i primi ani ’50, mi iero un muleto de 10 ani e stavimo ancora a Pola. Nini stava vicin de noi, insieme con sua mama, la zia Ana. Lui no’l andava mai fora, el stava sempre in casa e la zia la diseva che’l iera malà. El se gaveva amalà dopo che’l gaveva fato un lungo viagio e el doveva star riguardà. Ogni tanto vedevo che la zia la parlava sotovose co’ la mama e la pianseva. Qualche volta pianseva anche mia mama e, quando che ghe domandavo perché, la me rispondeva che iera perché Nini iera ’ssai malà ma no la diseva mai che malatia che’l gaveva.

A mi me dispiaseva veder pianser mia mama e la zia Ana e me dispiaseva anche per Nini che’l doveva star sempre in casa. Gavevo domandà se’l gaveva una malatia infetiva e se podevo andar de lui, a trovarlo e a farghe compagnia. La mama me gaveva risposto che no iera una malatia infetiva e che podevo andar.

Me piaseva andar de Nini perché el iera gentile con mi e el gaveva tanti libri e giornalini, che quela volta iera dificile trovar in italian. A mi me piaseva ’ssai leger, legevo romansi de aventure, quei de Salgari e de Giulio Verne, ma me piaseva anche i raconti de Konrad, quei che parlava de mar, de navi, de capitani. Tante volte vedevo Nini che’l scriveva su de un grande quaderno. Ghe gavevo domandà cossa che’l scrivi e lui me gaveva risposto che iera un romanso de robe de mar, de marinai e de capitani. Una volta el me gaveva anche fato leger un tocheto. Me ricordo che el parlava de un brigantino che se ciamava “Britannia”, che el salpava “alla ricerca dell’isola” ma no la trovava mai. Ghe gavevo domandà come che se ciamava ’sta isola e lui me gaveva risposto che iera “un’Isola Segreta”. A mi ’sta roba me pareva ’ssai strana e ghe gavevo anche dito: «ma come ti vol che el capitano trovi ’sta isola se no se sa gnanche el nome, se la xe segreta!». E lui me gaveva risposto: «El comandante xe sir Francis Drake, un grande marinaio e un bravissimo capitano, e ti vedarà che ala fine lui la troverà!».

Xe passai ani e Nini stava sempre in casa. Noi semo vignudi in italia, mi son diventà grande e go perso i contati con lui. De estate andavo a Pola per le vacanse, ma el tempo iera sempre poco e no me capitava mai de andar de Nini. Ogni tanto sentivo parlar de lui dei parenti e dei amici. El stava ancora sempre in casa e mi oramai savevo che no iera per una malatia, o almeno no per una malatia del corpo. Savevo anche dove che el gaveva passà quei ani che la zia diseva che’l iera andà in viagio. Savevo che el gaveva soferto tanto e podevo capir la sua preocupassion de comprometerse ancora o de comprometer altri, ma me pareva lo stesso ’ssai strano che lui el se rifiutassi sempre de andar fora de casa e de gaver una vita normale. I tempi iera cambiai e no se viveva più in un clima de paura come una volta. Mi gavevo leto e sentì parlar de Goli Otok e de quel che iera sucesso in ’sto posto, ma, me dispiasi ameterlo, in quel periodo no me interessava più de tanto. Iero giovane, iero ciapà con el lavor, la cariera, la famiglia, i fioi, vardavo al futuro, ale robe bele e no volevo pensar ale robe brute del passato.

E cussì semo ’rivadi ai ani ’90 quando che quela che iera stada la Jugoslavia de una volta, dopo un’altra bruta guera, che ga portà ancora morti e soferenze, la se ga dissiolto. Nel 1995, son andà a trovar Nini. La zia Ana iera morta, lui stava solo e no’l se la passava tropo ben. Meno mal che’l gaveva un’altra cugina che se curava un poco de lui. Lo go trovà ’ssai malandado de salute ma lucido de testa e, dopo i saludi e i convenevoli, ghe go fato la domanda che me rosigava de tempo dentro de mi: «Come mai, Nini, perché ti sta ancora confinado in casa e no ti va fora? I tempi xe cambiadi, no xe più come prima, no xe più de gaver paura!». La risposta che’l me ga dà, me ga lassà sconvolto: «Mi, Roberto, no go e no gavevo mai paura, ma ti devi capir che mi no son più vivo, mi son un omo morto, un cadavere, un morto che camina. Là su l’isola i me ga sbregà dentro, i me ga portà via tuto, me xe restà solo el corpo, un involucro. La mia anima, el mio spirito xe restai là, incadenadi sule roce de l’isola e no me li darà mai più nissun indrio!».

E, dopo, el ga comincià contar. El parlava pian, con vose bassa, sensa nissuna emossion. Iera come se, dopo tanto tempo, el svodassi un saco de roba oramai inutile. «Iero giovane – el ga dito –, un ingenuo idealista, credevo nei ideali del comunismo, nela fratelanza tra i popoli, nel’internazionalismo, iero convinto che prima o dopo saria sparidi tuti i confini, che l’Italia e la Jugoslavia saria diventà parte de un solo stato, un grande paese tuto comunista. Me fidavo dei compagni e parlavo in libertà, disevo quel che pensavo. Cussì, quando che xe saltada fora la question del Cominform, el scontro tra Tito e Stalin, mi no rivavo capir come che podeva esser un comunismo solo jugoslavo, in contrasto con quel dei nostri fradei de l’Unione Sovietica e anche de l’Italia. E go dito apertamente come la pensavo nele nostre riunioni, sercando de convinser i compagni per el bene del partito.

Anche quando i me xe vignudi cior a casa per arestarme e, quando che i ga incomincià a interogarme, mi pensavo ancora a un sbaglio, a un equivoco e iero sicuro de poder dimostrar la mia inocenza. Ma dopo i primi interogatori de l’UDBA, go incomincià a realizar che no iera cussì, che no iera un sbaglio, che i gaveva fato de proposito e che el mio destin iera zà stado deciso». «Ma no ti podevi parlar, dirghe, farghe capir – go dito mi –, dimostrar che ti ieri in bona fede…». «Ti no ti sa, no ti pol saver… – me ga risposto Nini, guardandome con suficienza –, quando che ti son davanti e soto de lori, no xe scampo, ala fine ti disi e ti fa tuto quel che i vol lori! Dopo circa un mese de preson, i me ga dà una carta e i me ga dito che iero sta condanà a 24 mesi de lavoro rieducativo e i me ga mandà a Fiume. Una note i me ga prelevà dala cela e i me ga portà in una camereta dove che iera zà altri detenuti che spetava. I ne ga ligà le man col fil de fero de drio dela schiena e con una camioneta i ne ga portà a Buccari e là xe incomincià el nostro vero calvario. Là ne ga ciolto in carico le guardie de l’isola e xe cambià subito el metodo. Con piade e pugni i ne ga carigà sula nave, sempre co’ le man ligade i ne ga scaraventà zò nela stiva e là ancora lignade, sberle, pugni, piade…

Al sbarco, el famoso kroz stroj, forsi ti gavarà sentì parlar, passar in meso de due file de detenuti che siga Tito-Partija, Tito-Partija, che i te spuda adosso i te impinissi de pugni, piade sensa nissuna pietà perché cussì i devi far per salvarse e cussì dopo go dovù far anche mi… E dopo la fame, la sede, le malatie, el lavoro pesante a portar sassi, a scavar busi per ore e ore soto el sol, sempre co’ la paura de altre lignade o del bojkot… el bojkot, una condana teribile, che te fa diventar l’ultimo dei miserabili, nissun no te pol parlar e tuti te pol bastonar anche sensa motivo…».

Scoltavo e iero sempre più stravolto a sentir ’ste robe, no gavevo più parole. Alora, un poco anche per sdramatisar, ghe go domandà: «E el romanso? Ti ga scrito po quela storia del brigantin “Britannia” che va ala ricerca de l’Isola Segreta?». Nini xe diventà ancora più cupo: «Iero malà, ridoto a 50 chili, gavevo la febre e le alucinassioni. Tute le noti me sognavo che rivava el brigantino “Britannia”, el vigniva per mi, el vigniva a ciorme per portarme a casa. Purtropo, ala matina me sveiavo e scoprivo che no iera vero, iero ancora nel inferno de Goli Otok. Un giorno che lavoravo a portar sassi per una nova costrussion, lo go visto el brigantin, lo go visto proprio in meso al mar che’l vigniva a vele spiegade verso l’isola, che’l vigniva finalmente a ciorme per portarme via, per portarme a casa. Go molà de colpo la siviera piena de sassi che portavo con un mio compagno e son corso, son corso via verso el mar, verso el brigantin… ma no’l iera vero, iera un alucinassion… I me ga ciapà, i me ga dà un saco de lignade e me xe costà due mesi de bojkot!».

No resistevo più a sentir ’ste robe, iera una storia teribile, no savevo cossa dir o far. Cussì go inventà una scusa, lo go saludà e son vignù via. Nini xe morto dopo un ano e mi go sepelì la sua storia dentro de mi ben in profondità. Solo a pensarghe me fasseva mal, ’ssai mal. Ma nel subconscio la sua figura iera sempre ben presente e, adesso che stavo ’rivando al’Isola Segreta, la vigniva fora con tuta la sua forza.

Semo rivadi a Goli Otok. La barca se ormegia al molo e sbarchemo a tera. Certo che xe dificile pensar al “kroz stroj”, a come che sbarcava quela povera gente che vigniva deportada qua una volta. Soto una tetoia, xe un local, una Konoba, come che i ghe disi lori, “Konoba Przun”, “Cantina Prigione”, e più in là, davanti de una finta finestra con le sbare, xe un’oferta de far una fotografia-ricordo de finto carcerato per la modica cifra de 5 Kune. A cossa che se ariva per quatro soldi, per cinque kune, in più! Con noi, oltre che le autorità e i diplomatici, xe due sopravissudi ala deportassion. Uno xe una persona de 85 ani ben portadi che continua a parlar, a spiegar, a farse intervistar. El ga scrito anche un libro. L’altro ga 90 ani, el iera precedentemente el presidente dela associassion de ex deportati che ga organisà el viagio, el parla ’ssai meno e el distrbuissi un opuscolo con le informazioni essenziali in tre lingue. El disi che’l che ga superà el disagio e la soferenza e che’l ghe ga perdonado ai suo aguzzini.

Mi no so se al suo posto podessi perdonar, ma lo ammiro. Partimo per el giro de l’isola. Due guide dà le informassioni in inglese e in croato. Par de esser a un giro turistico, ma questo no pol e no devi esser solo un posto de turisti! Camino un poco indrio del grupo. Vedo i resti de una casa, in origine una bela casa, tuta in blochi de piera bianca, costruida dai deportài. Xe la casa dove che al primo pian stava i uficiai de l’UDBA, la polizia segreta. Al pian teren invesse, iera dove che i fasseva i interogatori. Vado dentro, xe tuto svodo, tuto in rovina, ma se distingui ancora le camere, dove che i “Isljedniki”, leteralmente i investigatori, interogava i deportài. Rivedo el povero Nini che serca de spiegar, de discolparse, ma xe tuto inutile. Come che’l me ga dito, quando che ti son davanti de lori e soto de lori, ti disi e ti fa tuto quel che i vol lori. Qua l’Isljednik de turno che te interogava decideva se ti ieri maturo per andar a casa o se ti dovevi diventar “dvimotorac” o “trimotorac”, “bimotor” o “trimotor”, in gergo e far ancora due o tre turni in quel inferno. Vado avanti e, seguindo el sentiero, ’rivo davanti una grande costrussion, come una tore fata de piere, tute bel squadrade. Xe el serbatoio de l’acqua piovana, fata dai detenuti. Qua me imagino Nini che porta una siviera piena de piere con un suo compagno, quando che’l ga l’ilusion de veder el brigantin “Britannia” che lo vien cior per portarlo a casa. Qua vedo Nini che mola per tera la siviera e el cori verso el mar per imbarcarse sul brigantin. Ma xe solo un’alucinassion, i lo ciapa e, dopo gaverlo ben bastonado, i ghe dà due mesi de bojkot.

Zò in basso, in riva al mar, in fondo a una valeta de un splendido color blu, xe quel che iera el secondo campo de detension, costruido tuto dei detenuti. Un sentiero se ’rampiga a zig-zag su del mar verso el campo. Vedo quei povereti apena sbarcai che i cori in mezo a due file de veci detenuti che siga «Druže Tito, mi ti se kunemo», «Compagno Tito, te giuremo fedeltà» e per “redimerse” i bastona senza pietà i poveri novi arivài. Più avanti xe la costrussion, o meo la preson dove che vigniva tignudi i detenuti iriducibili. Questi no i podeva circolar per l’isola, i iera confinadi in cela e i podeva ciapar aria solo per un’ora al giorno. E più avanti ancora xe la “Petrova Rupa”, el “Buso de Pietro”, dove che in un buso diversi metri soto el livel del teren iera sistemà un frantoio “Mammut” e dove che vegniva destinai a lavorar, d’estate in un calor teribile e senza poder veder gnente in giro fora che un muro de sassi, i detenuti più dificili.

Adesso gavemo squasi finido el giro, stemo andando in zò verso dove che semo ’rivai. Per far el giro de l’isola ghe gavemo messo più de due ore con un caldo tremendo, anche se semo solo in magio. Figuremose coss’ che doveva esser a trasportar piere per 10-12 ore al giorno in agosto. Prima de ’rivar al punto de sbarco, passemo in meso a dele costrussioni dove che iera le oficine. Xe tuto in disfacimento, i teti, porte e finestre xe sfondài, l’interno xe svodo, dai muri pica fili e tubi. Qua, secondo la guida, se lavorava e se produseva articoli che vigniva vendudi anche in Italia e questo garantiva un certo guadagno alla polizia segreta, al’UDBA. Me par poco probabile che una atività compagna generassi profitto, ma certamente chi che gaveva un mestier e riussiva a farse assegnar a queste oficine el stava ’ssai meo de quei che lavorava a spacar e a portar piere.

Gavemo finì el giro, magnemo qualcossa ala Konoba, femo ancora qualche fotografia de grupo e se imbarchemo per tornar. Navighemo verso Segna, xe squasi sera, el mar xe calmo e el ciel xe de un bel color blu, che contrasta con el color grigio dele rocce nude dele isole. In lontanansa se vedi i monti dela cadena del Velebit, dove che nassi la bora. Sento una grande inquietudine, un tormento dentro de mi. Penso che questo xe un posto belissimo e al stesso tempo teribile, un paradiso per la natura e un inferno per i omini! Penso a Nini e a tuti quei, oltre 16.000, che xe stadi qua, ale soferenze che i ga passado… e per cossa? Per un ideal che ogi no ga più nissun valor! Penso e me comuovo, me comuovo e pianzo. Pianzo de dolor per le soferenze subide de tanti omini, ma dentro de mi trovo anche conforto perché questa no xe più l’Isola Segreta e perché spero che el sacrificio de tante persone servi per far in modo che crimini come questi no se ripeti mai più.

Ala fine, el sogno de Nini se ga realisado: il brigantino “Britannia” è riuscito ad approdare all’Isola Segreta! Il comandante, Sir Francis Drake, ha rotto le catene che legavano alla nuda roccia l’anima e lo spirito di Nini e li riporta a casa! Riposa in pace, Nini!

Roberto Stanich

Ultimo aggiornamento ( venerd 19 giugno 2015 )
 

Notizie importanti

 

ARCHIVIO STORICO ARENA DI POLA

TUTTI GLI ARTICOLI
DAL 1948 AL 2009
www.arenadipola.com

 

 

RECAPITI 
"Libero Comune di Pola in Esilio"

- informatico:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


 Indipendentemente dai normali orari di apertura
cell. +39 388 8580593.



- postale:
c/o Tipografia Art Group S.r.l.
via Malaspina 1 -
34147 TRIESTE

 

***
Siamo anche su Facebook.
Libero Comune di Pola in Esilio
Dventiamo amici.




 https://www.youtube.com/
watch?v=5ivlfeGujGo

 (clicca sul link per
vedere il video
Istria Addio - La Cisterna)

 ***
Dal 15 giugno 2013

 Sindaco/Presidente: Tullio Canevari
Vice: Tito Lucilio Sidari
Direttore dell'Arena di Pola: Paolo Radivo
 (l'organigramma completo nella sezione
CHI SIAMO")
 
 ***