Menu Content/Inhalt
Home arrow Poesie e canzoni arrow Poesie arrow NOI POLESANI di Stefano Stell
NOI POLESANI di Stefano Stell

Noi polesani
Testa alta, peto in fora, gente mia
se se nati, tuti, all'ombra dela Rena,
el Destin ne ga messo una cadena
e e'l ne ga ligà per sempre a 'sta cità

Podarè girar el mondo in longo e in largo,
podarè star tanto meo che a Pola,
ma la verità xe sempre una sola:
el polesan resta solo polesan.

Diese mesi ste pacifichi e tranquilli,
in famea, con la moglie e coi fioi,
ma nei mesi caldi, quando el sangue boi
no podè restar lontan de questo mar.

E sto mar che ne ga tignù tuti a batiso
 quando el canta el diventa una Sirena
che ne ciama de tornar drio la Rena,
e a sto riciamo no podemo mai mancar.

Testa alta, peto in fora, polesani
 semo nati, tuti, all'ombra de la Rena,
ma sentimo assai legera sta cadena
che ne liga sempre più a sta cità.
 
 
Usi e costumi
«No sta dismentigarte, vecia mia,
de far stassera sparisi coi ovi,
o scampi in pescheria se ti trovi,
o mussoli, o granzi, cioli pur!»

Sentì go 'ste parole stamatina
 sul ballador che dà sora i Giardini,
se le dixeva soto do sposini
do fioi de Polesani, nati qua.

Allora go pensà a le tradissioni
 che tramandà ne ga la nostra gente,
me xe passà l'idea per la mente
che i costumi nostri xe immortai.

E go pensà a le feste in Bosco Siana,
 a le carnevalade, ai bali, al canto,
ai sposalizi, al nostro rider, al pianto
co se battisa oppur ai funerai.

E go pensà a la jota, al bon brodeto,
 al bacalà in bianco, a passutisse,
al strudel de puina, a le putisse
e  tuto compagnà col bon terran.

E go pensà a le nostre tradissioni
de gentilessa, tatto, cortesia,
che fa distinguer in ogni compagnia
el Polesan patocco, ingenuo e bon.

Cussì i costumi nostri e i usi veci,
che fa riviver tempi tanto cari,
serrai ne le cornise i nostri pari
ne ordine, severi, de osservar.
 
 
Citavecia
Con le viuzze a bissa e tanto strete
e coi clivi che rampiga al Castel,
Citavecia ne ga messo le manete
e sto castigo, ancora, ne par bel.

Coi ferai impissadi sui cantoni,
i balconsini e le case in stile venessian,
no so se esisti ancora dei testoni
che no xe fieri de poder dir: Son polesan!

Citavecia no xe certo un obietivo
de la sciensa, del progresso e del lavor,
ma xe el levà del sentimento vivo
per ricordar l'origine, la stirpe e i genitori

Stefano STELL