Menu Content/Inhalt
L' adio

L’adio

I disi che bisogna far valise
che in primavera dovarò pompar
con quatro fazoleti e dò camise
e co dò brazi che sa lavorar.
Se devo andar te vojo dir adio,
come sa dir adio un polesan,
e saludarte come un vero fio
che parti per andar assai lontan.


Solo dò lagrime,
una per ocio
e po’ in zenocio
questa tera baserò.
Solo dò lagrime
el cor in gola
mia cara Pola
mi te saluderò.


Adio vojo dirghe ala caseta
Dove che go pasà la gioventù,
adio a questa tera benedeta
perché se vado no te vedro più.
Con la coscienza più che mai serena
dò robe vojo cior per ricordar
in t’un scartozo un tochetin de Rena
in’na fiascheta un fià del tuo bel mar.


Solo dò lagrime,
una per ocio
e po’ in zenocio
questa tera baserò.
Solo dò lagrime
el cor in gola
mia cara Pola
mi te saluderò.

 

Parole di Arturo Daici Musica di Olindo Pascotto

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 07 novembre 2012 )