Menu Content/Inhalt
Home arrow Poesie e canzoni arrow Poesie arrow El tormento dell'esule polesan di Segio Zuccoli
El tormento dell'esule polesan di Segio Zuccoli

El tormento dell'esule polesan


Lontan mi son de ti, Pola mia cara,
ma te go sempre qua in fondo al cor;
la via dell'esilio la xe amara,
piena de delusion e de dolor.


Mi penso a la tua gente disperada,
dispersa, che se rosiga el servel;
e tuta 'sta disgrassia capitada
che a mi me ga privà del tuo bel cel.


Mi vedo le tue grote, le pinete,
speciarse nel celeste tuo bel mar,
i porti, le campagne, le rivete
che mi no podarò dismentigar.


Mi sento l'aria limpida, salada
coi rèfoli de bora o de garbin:
me vegnaria de farte una cantada,
ma no go più né voia, né morbin.


Mi iero e son de ti inamorado
te go volù, te voio tanto ben;
co penso a quel che a noi ne ga tocado
go un groppo in gola e un sbrusighin nel sen.


Son polesan patoco e me ne vanto;
son greso, s'ceto, fiero, materan;
de ciacole bugiarde no m'incanto
e fin che moro restarò italian.

Sergio Zuccoli