Menu Content/Inhalt
STRASSE
Strasse
Stavolta go voia de parlar del Carneval. Quel de una volta, se capissi, perché quassù el carneval no esisti.
I ga el shrove tuesday, che corispondi al martedì grasso, ma quassù el xe conossudo come el giorno dei amlet. E ancora de qualche parte xe in uso la tradission fra le done de far una lunga corsa in qualche bela radura verde tegnindo in man una farsora con dentro l’amlet (bel suto), sercando de farlo voltar più volte che se pol fin che se riva al traguardo. El mercoledì, come de noi, xe el giorno dele ceneri.
Ma mi go voia de ricordar el “nostro” Carneval, ossia quel del’“ultima mularia” de Pola. Za dopo le feste natalissie se cominciava a veder lungo le vie i “coriandoli”, quei tondini de carta de tuti i colori che se comprava in pacheti nele cartolerie e se li tiravimo drio tornando a casa de scola. (No credaré? Quassù i li ciama... “confeti”! Propio cussì!)

 

Bon. E po’, come che el tempo passava, i ultimi giorni de Carneval la mularia ghe piaseva far le robe “in grande” e tuti se vestiva... de lusso, andando in giro nele zone vicin de casa sfogiando roba de cento colori, cotole longhe e ampie, giachete abondanti, siali che rivava fin per tera, scarpe grandi col taco alto che se se portava drio con passo strassicado. E po’ siarpe grandiose, cinturoni, nastri, visi pituradi con la carta crep, sonete, trombete, capei grandiosi… E che gusto farse mirar in giro cussì ben consadi!
Noi usavimo invitar cuginete e amichete de Casa Ziz e se la passavimo ben fra crostoli, amlet, e la Rita ne sonava sul piano tute le cansonete più in voga e noi a cantarle e a divertirse.
E qua ve dirò che ghe xe quassù qualcossa nela moda de ogi che in qualche modo, sia pur de lontan, me riporta a quei tempi remoti. L’unica diferensa xe che noi mularia metevimo adosso per l’ocasion roba antica (spesso con l’odor de naftalina) ma... intiera. Qua invesse, la gioventù più ben fornida de schei va in giro con blu jeans o calsebraghe rote, tuto strassà e sfilassà, i zenoci ben fora co i sta sentadi nel metrò, e no manca qualche tacon de color diverso mal cusido a punti pastrociadi a coverzer parsialmente un buso più grande. Roba de grandi firme, logico, e ancora sbregoni e trasparense de material frugà.
I esperti de moda disi che tuto sto sfogio de roba strassada gaveria fato el suo tempo e el xe sul finir, ma mi vedo, o almeno el me dà l’impression de esser in fase cressente.
E atraverso qualche documentario Tv go osservà che in Italia no i ghe xe de meno. Siché, se volé aparir miliardari e trasudar... richesse, coverzeve de strasse rote e mal mendade più che podé. Altro che i Carnevai nostrani! La moda de ogi ne ga superado.
Silvia Lutterodt Sizzi (Londra)