Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO arrow UN MULO RICORDA LA SUA CITTA' NEL DECENNIO 1930-1940
UN MULO RICORDA LA SUA CITTA' NEL DECENNIO 1930-1940

A partire da questo numero, per alcune puntate, un 91enne esule polesano che preferisce l’anonimato ci racconterà in dialetto, sulla base delle sue reminiscenze e di sue ricerche storiche, la Pola che fu dal 1930 al 1940.

Dopo un lungo letargo del dopoguera, nel 1930 Pola se sveia tra una metamorfosi de atività urbana e aparente prosperità economica. Sto decenio xe pien de vita alegra. Se bala per ogni canton. A le osterie no ghe manca i clienti.

In fin dei conti Pola xe sempre stada ’na neta cità. Anca in tempi de miseria. I pompieri co le cisterne a geto de acqua lava le strade del centro. I scovassini del municipio tien nete quele de la periferia. El cucer col caro de cavai do volte al giorno ingruma le scovasse de casa.
De domenica prima de mesogiorno, con tempo permetendo, la banda musical del Municipio, soto la diression del maestro Bucavelli, dà concerti in piassa Port’Aurea visavì al cafè Italia.

D’estate le feste del mar coi foghi artificiai xe un spetacolo de veder. L’undici de novembre xe’l giorno de San Martin. Festa de l’uva e novo vin. I Bumbari, con cari tiradi de mansi e mussi decoradi con vide e graspi de uva, se cala zo de Dignan. In piassa Port’Aurea le bele mule vestide in costume tradissional, con ceste carighe de uva e bocalete, xe pronte a ofrir un sluc de vin novo. Xe alegria fra tuti. E se canta.
I disi che Dignano la xe bela / con tante signorine che ci stano. / Son tute fate a penelo. / Non ti scordar di me. / Quando le vedo là / el paradiso me par de veder. / E non ti scordar di me.

 

 

D’estate, forsi par la prima volta nel mondo, vedemo int’ela Arena el cinematografo sonoro. No manca le opere liriche con cantanti de fama mondial come Beniamino Gigli, Toti dal Monte, Tito Ruffa, el più famoso baritono a quel tempo. In piassa del Ponte ogni ano xe de casa el circo Zavatta col nano Bagonghi. Coi sui schersi el fa rider i pici fioi e anca i grandi. Sempre al Ponte, in bona stagion gavemo el Parco de divertimenti co le giostre, tiro a segno e altre atrassioni, sai popolari.

Nei ani ’30 Pola bala. Bali per ogni canton de la cità.
Scomincemo col “Ferrara”, ex vila del Freiherr Georg von Trapp in Via Armando Diaz.
Qua me se dà de verser ’na picia parentesi. No me sovien l’ano. Forsi nel 1933. Un giorno con mio papà iero a Scoio dei Frati. Su la spiagia de le Boche False el parlava in tedesco con un distinto signor. El se ga congedà con un saludo militar. El sior invesse ghe strensi la man. Ghe domando: «Chi xe quel sior, papà?». «Quel iera el mio paron» xe la risposta. Mio papà ga fato 7 ani de Marina austriaca. El paron iera el Baron Georg von Trapp. Se legé la storia de la sua familia, trovaré che xe mensionade le vacanse a Scoio dei Frati.
Tornemo al “Ferrara”. El provado musicante Piero Soffici, esperto sassofonista co la sua orchestra, ne le sere d’estate, al aperto el sona per i esperti balarini. E no tanto esperti.

La pista del patinagio in Via Carlo De Franceschi xe popolar de estate. Altretanto xe popolar, de inverno, la lunga e streta sala. Sona i fradei Richter. El Politeama “Ciscutti” xe riservado par grandi velioni, cine e riviste de varietà come Totto Macario, Vanda Osiris e altre meno famose. Anca la mula polesana Italia Vanilio ga cantà con una de ste companie. Angelo Cecchelin, el famoso comico triestin, xe de casa al “Ciscutti”.
El cafè “Secession”, in Via Barbacani, xe frequentà de copie più posade, mesi ansiani. De solito se bala de domenica dopopranso.
La sala del GUF, in Riva Vittorio Emanuele, xe ritrovo dei studenti universitari co le sue mule.
Ne la grande sala de la Fabrica Tabachi, in riva, se bala ogni domenica dopopranso. Nel balo più popolar, sempre pien de giovani, muli e mule in serca de la morosa o del moroso (tante copie ga trovado là el matrimonio, prima de ’ndar via de Pola). El circolo “Savoia”, in Via Barbacani, drio la Prefetura, xe esclusivo par i uficiai de le forse armate e l’aristocrassia de Pola.

In Via Zaro xe’l circolo dei sotuficiai de la Marina italiana. Ai Polesani no’l ghe xe permesso, come gnanca el stabilimento de bagno de Val Cane. Dopo la guera el circolo sotuficiai xe diventà la sede dei Partigiani Italiani e se bala ogni domenica, de sera. Sul canton de Via Petilia e Gladiatori xe’l grupo Alfredo Sassak. Qualche volta d’estate se bala anche là, come a la sede de la vecia Società Sportiva Edera, situada a le Barache, su la fin de Via Piave.

I bali de Monte Grande e quei de la Grega xe un poco fora man par quei de cità.
Le tratorie e osterie ghe fa concorensa ai bali. No ghe manca i clienti par mantegnir la tradission del grego Bacco, fio de Giove e Semele
Par cità se canta. Viva là e po bon / xe questo el moto polesan. / Che la vadi ben, / che la vadi mal, / sempre alegri e mai passion, / viva là e po bon!

1930. Pola se sveia sto genaio con tanto fredo e tanta neve. Quasi come l’ano passà, el 1929. La gente senti ancora la diferensa de vita, fra quela de soto l’Austria e quela de la redension ’taliana. Se vedi poca atività publica. Ma i architeti, ingegneri e altri professionisti prepara piani e disegni per sto decenio davanti de noi, che prevedi bone speranse. La squadra del Grion la gioga in Prima Division. La gioga bastansa ben. La se clasifica meo de la Fiumana.

Un Mulo de Pola (1 - continua)