Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO arrow DIALETO E ...LINGUA
DIALETO E ...LINGUA
Dialeto e... lingua
Ogi go voia de parlar del nostro dialeto. In un tempo assai lontan su “L’Arena” le discussioni in merito se fasseva “calde”. Mi iero de larghe vedute. Ognidun che lo parlassi e lo scrivessi come che ghe pareva meo, ma ricordarse de esser ciari e no tropo astrusi nel esprimerse perché fra i letori poderia esserghe qualchedun che el nostro dialeto no lo conossessi.
Mi me ricordo che nei primissimi ani de scola, co gavevimo de risponder in lingua ale domande dela maestra, iera facile che ne scampassi l’espression... dialetal. E ela, afinché ciapassimo la bona abitudine de parlar coretamente  in italian, la gaveria volù che se sprimessimo in “cichera” anche quando che parlavimo fra noi, se no adiritura a casa.
Iera nela nostra classe diverse puteline che proveniva de altre parti del’Italia, dal nord al sud, e la maestra no riussiva a capacitarse come che le podessi esprimerse cussì ben in polesan, tanto che no ghe iera nissuna diferensa fra el suo modo de parlar in dialeto e el nostro de mulete polesane patoche.
Mi, che fin de picia gavevo sempre avudo l’abitudine de sprofondarme a pensar e per questo gavevo sul viso una espression costante de “testa persa”, me domandavo come che la mularia che frequentava el legendario Pra’ Pissacia  gaveria podudo esprimerse “in lingua”: «Passami la s’cinca granda...»; «Oggi giochiamo a britolin drio quel muchio di spini...»; «Che te vegnissi la pivida! Perché mi hai passato le ortighe sule gambe? Ara se sono schersi da fare!». Digo la verità, sensa una lunga pratica, cussì, là per là, i risultati saria stadi... grandi!
Tornando ale nostre carelade sul dialeto, grassie a “L’Arena” mi no solo iero vegnuda a conossensa de espressioni e definissioni mai sentide a Pola nel nostro circondario, ma gaveva anche trovà che tante parole che conossevo ben gaveva per i polesani de qualche altro rion un significato tuto diverso.
E alora me iera vegnù in testa l’idea de far una racolta de tuti i vocaboli, verbi, rime, proverbi, modi de dir e deti nostrani che me vegniva in testa, con la spiegassion a fianco scrita in lingua cussì come che la conossevo mi.
Sto lavor, cominciado tanto tempo fa, se poderia dir “portado a termine”. Ma ogni tanto nel cervel salta fora qualcossa, una definission, una parola antiquata, un’esclamassion... e alora la lista continua, sia pur col contajosse. Devo anche precisar che no ghe xe ordine alfabetico perché li go sempre butadi zo cussì come che i me vegniva in testa. E dato che a Pola, pur no volendo, se podeva sentirle de tuti i colori quando che qualchedun se rabiava, alora nela mia racolta no podeva mancar diverse espressioni... cambronniane (con tante scuse per le rece più rafinade e sofisticade).
Silvia L. Sizzi