Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO arrow STORIELE DE UNA VOLTA
STORIELE DE UNA VOLTA

D’estate a Pola co tornavimo a casa dai bagni a Sisplass se fermavimo a sena dai noni materni. Là rivava anche papà, e po’ tuti insieme con zio Gianni (Jani per nona Rosa) e i cugini se magnava in compagnia con gran contentessa. Quei iera momenti assai bei per la Rita e per mi, anche se gavevo tuto el tempo adosso i oci atenti de mama. E po’ se sentavimo tuti fora in giardin a goder l’aria dela note, a scoltar el “canto” dei grili e a contemplar le stele.

De quele bele serate in compagnia tornavimo a casa a piedi gavendo fato tuto el Stradon, po’ passavimo per el centro-cità e, rivadi al’altessa del ospidal, giravimo per trovarse a casa nostra. Una passegiada abastansa longa che noi mulete la fassevimo a brasseto de mama sercando de colegar i nostri passi con i sui. E che contente che ierimo co rivavimo a marciar tute e tre insieme!

Chi ga dito che ogi a Pola la mularia e la gioventù (turisti, se capissi!) no ga abastansa divertimenti sule spiage e in cità? Cossa gavevimo noi lungo la costa polesana? Gnente altro che vegetassion selvadiga sule coline che costegiava el mar.

Se xe vero che con mama la nostra libertà iera limitada al massimo e dovevimo ubidir sensa proteste per no corer... seri ris’ci a casa, quei dopopransi a Sisplass iera godudi assai e no li gavemo mai dimenticadi. Me ricordo co fassevimo merenda sentade sui cogoli dopo grandi agiustamenti per sentirse comode, e tutintun vedevimo rivar de corsa a precipissio zo dela china diversi giovinoti in braghete de bagno e discalsi che con grande rumor de sassi smossi i se butava in aqua in pansada, con sploci e schissade che ghe rivava adosso a quei che iera sentadi più vicini al mar. «Cossa no ghe fa mal i piedi?» – se domandavimo ridendo e amirandoli per tanto... coragio e, ancora de più, “indiferensa” al... dolor fisico!

E adesso diseme un poco: gavevimo forsi in alto, lungo le coline, campeti de golf? Pici recinti per el tennis e piste per le corse? Cafeterie e ristoranti, negossi de “cianciafruscole”, cafè e sale de balo per i notambuli? No ghe iera gnente de tute ste modernità. A portarse drio un’abondante merenda de consumar sul posto fra una “tociada” e l’altra pensava le mame, zie o parentela feminil più grande... e soto a sbafar e divertirse fra natura e mar. L’unico diversivo iera el careto dei gelati che rivava lungo la litoranea. Quei gelati de una volta iera assai boni ma altretanto duri de tanto jassadi che i iera.

Tornando a casa lungo le sterpaglie de quele indimenticabili e incomparabili coline cussì selvadighe, se perdeva tempo a magnar more diretamente dai graioni. (Lavarle prima per dover igienico? Semo mati? Chi ga mai avù mal de pansa come conseguensa?)

Mi trovavo in quei momenti anche el tempo de osservar la natura: seguir le lunghissime stradisele fate dale formigole; vardar le farfale che con le ale serade le “dormiva” a testa in zo ben grampade lungo i steli dei fiori più alti, e po’, aiutandome con la memoria, a casa sercavo de ritrovarle sule ilustrassioni dei mii libri.

Ghe xe un altro particolar che né la Rita né mi gavemo mai dimenticà e a ricordarlo ridemo insieme ancora ogi.

Co tornavimo a casa dopo ste giornade cussì ben vissude, rivadi a circa metà dela via Sissan, ghe iera là in una de quele case, su in alto, una finestra ben spalancada con i scuri completamente averti, altretanto le tende e la luce ben impissada; quindi, nissuna protession contro... invasioni de inseti noturni.

«Ma cossa, no ghe vien dentro i mussati?» – se domandava mama, intanto che mi imaginavo “squadroni” rivar uno drio del altro a più riprese. «Quei che vivi lassù – diseva papà – devi gaver la pele assai dura, cussì no i senti i efeti dei beconi!» (e noi, zo a trategnir ridade).

Adesso che penso: ghe iera una volta fra le cansoni napoletane classiche una che se intitolava “fenestra che lucive”. Noi, quela “fenestra” la gavevimo là e l’amiravimo d’estate de passagio quasi ogni note, luminosa al massimo e completamente averta. Ciaror, aria libera, mussati che te vien dentro a scaglioni!

E come se poderia definir ste “visioni” cussì lontane nel tempo e ancora tanto vive nela memoria? Impressioni de un passato remoto mai dimenticà e vissudo intensamente... Felicità fata de... gnente!

Silvia L. Sizzi (Londra)