Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO arrow MIO NONO ANTONIO
MIO NONO ANTONIO


Mio nono Antonio Udovici (ich soto la Defonta) ghe sarà ancora chi che se lo ricorda: el gaveva una botegheta ai Giardini, tra el negossio de Budin e la bireria “Do mori”, poco più in qua de l’Arco dei Sergi. El vendeva fruta e verdura, insieme con mia nona Catina, picinina, bona, sempre sentada in canton, drio del banco.
Chi se lo ricorda sa ch’el mandava a remengo, brontolando, chi che lo contrariava contestando o el peso de la roba comprada o la roba. El iera nato a Borut, un paeseto ne l’altipiano dei Cici, tra i grebani, le cavre, le pegore… e tanta miseria. No so chi che iera i sui genitori. Forsi lo sa Roberto, ch’el sta sercando vita, morte e miracoli dei nostri antenati (el riva, parfin, a Atila!).



No so quando ch’el xe vegnù a Pola, ma certo el se ga dà de far e no’l stava mal co’ la sua famea.
Me ricordo che in questa stagion sopratuto el ’ndava, col caretin a do rode de bici, nel negossio dove che i vendeva a l’ingrosso, dopo aver bevù un bel bicer de graspa per tegnirse su de matina presto. Tra parentesi, con quel caretin el ne portava in via Dante le cassete, svode, perché ghe n’avevimo pochi per comprar legni da arder.
Disevo nato a Borut, tra i Cici, bastansa duri (qualche malalingua disi che go ciapà de lù…).
El iera assai generoso e el me voleva ben. Quando che andavo a le magistrali, vissin al “Bonavia”, a fianco del “Ciscuti”, nel tempo del riposo tra una lession e l’altra, andavo con un pan (montasù) e lù me meteva dentro una bela feta de puina, quela dei bumbari e de Siana, che no ve digo che bona che la iera. De dopopranso passavo a saludarlo e no mancava un scartoseto de pistaci, o de sisole, o do carobe, o un pomo. I pomi lu li lucidava con una strasseta perché cussì i iera più bei. E bei e boni iera i cachi vaniglia, meno lucidi i fighi, bele le naranse.
Disevo che spesso el brontolava perché i scartoseti, secondo la gente, o iera tropo pesanti (carta de giornal rodolada in fondo) o poco pieni (astussie de ogni tempo!). Me ricordo che de domenica el andava in osteria, in via Medolin, a zogar le carte coi amici. Quando ch’el tornava a casa, sempre a la stessa ora, mi lo spetavo e lù meteva la man in scarsela e me consegnava un pugneto de moneda (5-10-20 centesimi). Sa che gioia per mi! Andavo quasi subito de Grubissa, pasticeria in via Sissan, a comprar la “Fortuna”, che iera un pachetin con dentro una sigareta de suchero e ritai de paste o de torte. Se no li tegnivo per comprarme el “Coriere dei picoli”, che me piaseva tanto con quel sior Bonaventura.
Al primo de l’ano se usava la bona man e lù me consegnava un pomo con ficai sora tanti soldini.
E quante robe ancora me ricordo, ma no posso profitar de la vostra passiensa. Me vien in mente adesso che al tempo de l’esodo i lo ga mandà con moglie e fia fin in Sicilia, dove el se ga trovà in una casa de campagna che in cusina i gaveva la cavra, oche e galine (ma no iera Borut!). I xe scampai via e tornai a Pola per un altro calvario.
Ve lasso. Perdoneme el polesan, dialeto bastardà ma sempre bel.
Fulvio Mayer (San Donà di Piave)