Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO arrow EL PRESEPIO COME DE FIOI
EL PRESEPIO COME DE FIOI


"Carissimi de “L’Arena”,

consentime de farve partecipi de questo sfogo, che me vien dal cuor, per protestar contro quei, come el vescovo Cipolla (sa quante lagrime…), che ne vol obligar a dimenticar le nostre tradissioni più bele. Mi go ormai 87 ani e, da quando ghe ne gavevo una decina, insieme con mio fradel Aldo, un fià più vecio de mi, gavemo fato el presepio, e lo farò anca sto ano.

Andavimo in Siana (stavimo de casa in via Dante, soto forte San Micel, e no iera vissin!) col bel o el bruto tempo a ingrumar el mus’cio. Figureve mia mama che ne vedeva tornar tuti infangai, e po a dover netar la cusina quando, per far le grote, strussavimo su la carta de impaco con una – ciamemola – pompeta, fata con un pignatin e una canucia! Metevimo do cavaleti. Quei da muradori, con sora do tavole e una strassa per coverser e poder preparar la nostra creassion natalissia.

 

Fassevimo pegore e pastori clonadi, fracando un pastor bon e una pegora bona nel stuco, quel da finestre, e po impinivimo el buso (stampo) con gesso da presa: ne vigniva fora bestie e pastori, tuti uguali, sensa schena, po pituravimo tuto con aquarei.
Che passion, fioi, ma, visti davanti, tuti iera bei.

Passà qualche ano cussì, se gavemo migliorà anche se gavevimo pochi schei! Quando che i tedeschi (1944) i me ga portà a lavorar a Vodizze a far bunker e trincee per fermar una possibile (secondo lori) invasion, me son fato mandar uno de quei presepi de carton, quel che se alsa i personagi, e là sul mio leto (?) a castel go fato el presepio su la paia piena de pedoci, no quei che se magnava a Pomer, ma quei che te magnava a ti. I mii genitori me gaveva racomandà de portar indrio quel carton perché el costava bastansa. Figureve, che tempi!

Nel ’47, quando i drusi me ga fato lassar la mia cara Pola, son finì a Venessia, in Arsenal, in un cameron zà dormitorio de marinai, e là go fato el presepio, che ga ciapà el secondo premio presepi de la parochia de San Francesco de la Vigna. Penseve che girando una manovela, tacada a un rulo, con una strissia de tela, dove iera tacai pegore e pastori, li fassevo caminar intorno a la grota. E cussì avanti, ogni ano el mio presepio. Fin a ogi, che speto de farlo perché xé ancora presto.

Lo fasso in un canton de la taverna, bel, grando, con le luci (disi mia moglie che par de esser in discoteca, perché le fa ciaro e scuro). Ghe xé anche el registrator che sona le cansoni più care a la tradission, quela che al vescovo ghe dà fastidio. Bon Nadal anca a lui e… viva là e po bon. Auguroni a tuti.

P.S. Scuseme el scrito in polesan ormai bastardà. E se sbaglio… corigetemi!

Fulvio Mayer (Padova)

Ultimo aggiornamento ( luned́ 04 gennaio 2016 )