Menu Content/Inhalt
Home arrow RACCONTI IN DIALETTO
RACCONTI IN DIALETTO
UN MULO RICORDA LA SUA CITTA' NEL DECENNIO 1930-1940

A partire da questo numero, per alcune puntate, un 91enne esule polesano che preferisce l’anonimato ci racconterà in dialetto, sulla base delle sue reminiscenze e di sue ricerche storiche, la Pola che fu dal 1930 al 1940.

Dopo un lungo letargo del dopoguera, nel 1930 Pola se sveia tra una metamorfosi de atività urbana e aparente prosperità economica. Sto decenio xe pien de vita alegra. Se bala per ogni canton. A le osterie no ghe manca i clienti.

In fin dei conti Pola xe sempre stada ’na neta cità. Anca in tempi de miseria. I pompieri co le cisterne a geto de acqua lava le strade del centro. I scovassini del municipio tien nete quele de la periferia. El cucer col caro de cavai do volte al giorno ingruma le scovasse de casa.
De domenica prima de mesogiorno, con tempo permetendo, la banda musical del Municipio, soto la diression del maestro Bucavelli, dà concerti in piassa Port’Aurea visavì al cafè Italia.

D’estate le feste del mar coi foghi artificiai xe un spetacolo de veder. L’undici de novembre xe’l giorno de San Martin. Festa de l’uva e novo vin. I Bumbari, con cari tiradi de mansi e mussi decoradi con vide e graspi de uva, se cala zo de Dignan. In piassa Port’Aurea le bele mule vestide in costume tradissional, con ceste carighe de uva e bocalete, xe pronte a ofrir un sluc de vin novo. Xe alegria fra tuti. E se canta.
I disi che Dignano la xe bela / con tante signorine che ci stano. / Son tute fate a penelo. / Non ti scordar di me. / Quando le vedo là / el paradiso me par de veder. / E non ti scordar di me.
Leggi tutto...
 
OGNI FIOR UNA STORIA

Ogni fior una storia

Quassù a Londra xe facile rinfrescar la memoria per colegamento, dato che la vegetassion xe la stessa che gavevimo a Pola, solo più rica e con tanti fiori in più che no go mai visto prima. Cussì passerò in rassegna le piante più vicine a noi sercando de abinarle a episodi riguardanti l’ultima mularia polesana, ossia quela del nostro pra’. Comincerò dala modestissima, insignificante “parente povera” del’euforbia de giardin che noi tuti ciamavimo “la pianta del late”, perché a romperghe el gambo la molava un liquido bianco e vis’cioso che pareva... late autentico.
Una volta, tanto per provar, gavevo messo una picia jossa de quel liquido sul polpastrel de un dito e lo gavevo tocà con la punta dela lingua. Mama mia, iera come se me gavessi scotà, per no dir del gusto amaro che me iera restà in boca. Po’ ghe iera el trifoglio che cresseva in vasti muci, formando bele pice zone verdi sul resto del’erba seca del pra’ brusada del sol. Ma fra noi mulete sta pianta godeva de una fama sinistra anche se in realtà nissun no ghe credeva. Ma se usava dir che, a ciapar sono su una distesa de trifoglio, se se gaveria dismissià... morti!
Leggi tutto...
 
Cusina de alta classe
Cusina de alta classe
Per una volta tanto go voia de parlar de qualcossa de diverso: magnari de lusso.
Gavé voia de spender ben i soldi? Vegnì a Londra, la capital più cara del mondo, andé in un albergo de cinque stele e feve servir sandwich con l’inserto de formigole vive, alevade in coltivassioni speciali. I clienti più sofisticadi ga dito ala Tv che le xe bone, con un gusto pissighin che xe qualcossa de grande.
Sempre in merito a cibi rafinadi, fra un’infinità de programi Tv dedicadi ala culinaria, ghe ne gavemo uno stagional dove che i partecipanti, za coghi de profession ma con aspirassioni grandiose, ga de cimentarse a cusinar su ordinassioni dei esperti in materia sperando de vinser e de diventar coghi dei più rinomadi alberghi de lusso (che gusti!). I finalisti dela competission se trova impegnadi a cusinar lecornie speciali in posti de altissimo prestigio atraverso el mondo dove che i comensali, ossia le più alte personalità dela culinaria internassional, darà el giudissio final sui piati presentadi. E no manca mai qualche italian in queste comissioni giudicatrici. (A questo punto devo agiunger: mi credo de contar qualcossa de novo e invesse chissà quanti de sti programi Tv che gaveré anche voi in Italia.)
In ogni caso, eco qua qualche piato prelibado dove che la carne devi presentarse apena rosolada de fora e cruda sanguinante de dentro per esser definida “cusinada ala perfession”. “Anitra rosta con contorno de polipo lesso adorno de crema ala vaniglia mista a olive nere masinade”. “Piccione al forno con ripieno de ciocolata amara mista a foie de pressemolo, rodeline de finocio e cocumero, con contorno de puré de olive nere sora de carote lessade ma frede contornade de un formagio dolse e cremoso”. “Carne de cervo rosta con contorno de fragole fresche, fruti de mar e puina mista a peperoncini rossi taiadi a fetine (de  quei che a magnarli i te fulmina el cervel de tanto picanti che i xe)”. Acostamenti divini! Soto a sbafar!
A questo punto no posso far a meno de pensar che, a vardar i grandi coghi al’opera, no ghe xe gnente de meo de una semplice, sana e gustosa cusina casalinga. E sto ultimo trafileto el xe dedicado ala cara Daniela Biasiol che ne presenta regolarmente ricete dela “nostra” cusina, cussì bone e invitanti.
Silvia L. Sizzi
 
MIA MAMA ACROBATA

Mama ricordava spesso el sior Privileggi, originario de Parenso, che stava al pianteren de Casa Ziz in un quartierin dela parte del prà e el iera stà un “gua”.
Ogni matina sior Privileggi iera sentà nela corte a leger el giornal e spesso ghe piaseva vegnir se de noi per far la ciacolada con mama. Dopo l’esodo ela ogni tanto ghe piaseva rievocar sto episodio in merito a quei pacifici scambi de opinioni quando che la vita là de noi scoreva serena sensa scosse particolari.
Mama ghe tegniva assai a gaver le finestre nete e lustre e, pur gavendo qualche aiuto de fora per i lavori casalinghi più pesanti, le lastre la se le gaveva sempre lavade da sola. E no iera roba de poco.
Leggi tutto...
 
DIALETO E ...LINGUA
Dialeto e... lingua
Ogi go voia de parlar del nostro dialeto. In un tempo assai lontan su “L’Arena” le discussioni in merito se fasseva “calde”. Mi iero de larghe vedute. Ognidun che lo parlassi e lo scrivessi come che ghe pareva meo, ma ricordarse de esser ciari e no tropo astrusi nel esprimerse perché fra i letori poderia esserghe qualchedun che el nostro dialeto no lo conossessi.
Mi me ricordo che nei primissimi ani de scola, co gavevimo de risponder in lingua ale domande dela maestra, iera facile che ne scampassi l’espression... dialetal. E ela, afinché ciapassimo la bona abitudine de parlar coretamente  in italian, la gaveria volù che se sprimessimo in “cichera” anche quando che parlavimo fra noi, se no adiritura a casa.
Iera nela nostra classe diverse puteline che proveniva de altre parti del’Italia, dal nord al sud, e la maestra no riussiva a capacitarse come che le podessi esprimerse cussì ben in polesan, tanto che no ghe iera nissuna diferensa fra el suo modo de parlar in dialeto e el nostro de mulete polesane patoche.
Leggi tutto...
 
STORIELE DE UNA VOLTA

D’estate a Pola co tornavimo a casa dai bagni a Sisplass se fermavimo a sena dai noni materni. Là rivava anche papà, e po’ tuti insieme con zio Gianni (Jani per nona Rosa) e i cugini se magnava in compagnia con gran contentessa. Quei iera momenti assai bei per la Rita e per mi, anche se gavevo tuto el tempo adosso i oci atenti de mama. E po’ se sentavimo tuti fora in giardin a goder l’aria dela note, a scoltar el “canto” dei grili e a contemplar le stele.

De quele bele serate in compagnia tornavimo a casa a piedi gavendo fato tuto el Stradon, po’ passavimo per el centro-cità e, rivadi al’altessa del ospidal, giravimo per trovarse a casa nostra. Una passegiada abastansa longa che noi mulete la fassevimo a brasseto de mama sercando de colegar i nostri passi con i sui. E che contente che ierimo co rivavimo a marciar tute e tre insieme!

Leggi tutto...
 
MIO NONO ANTONIO


Mio nono Antonio Udovici (ich soto la Defonta) ghe sarà ancora chi che se lo ricorda: el gaveva una botegheta ai Giardini, tra el negossio de Budin e la bireria “Do mori”, poco più in qua de l’Arco dei Sergi. El vendeva fruta e verdura, insieme con mia nona Catina, picinina, bona, sempre sentada in canton, drio del banco.
Chi se lo ricorda sa ch’el mandava a remengo, brontolando, chi che lo contrariava contestando o el peso de la roba comprada o la roba. El iera nato a Borut, un paeseto ne l’altipiano dei Cici, tra i grebani, le cavre, le pegore… e tanta miseria. No so chi che iera i sui genitori. Forsi lo sa Roberto, ch’el sta sercando vita, morte e miracoli dei nostri antenati (el riva, parfin, a Atila!).

Leggi tutto...
 
Altri articoli...